D, COME DAVIDE

Sapeva che era la sera giusta, scelse il suo abito preferito, le sue scarpe preferite, il profumo preferito. Anche la musica era stata scelta con rigore, la sua preferita, appunto. Imboccò l’autostrada, contento di avere 150cv in più sotto il cofano, un rombo rassicurante, di una macchina pesante, anche questa nera, ma non da ragazzini. […]

Read more "D, COME DAVIDE"

Toccasti?

L’estate scorreva lenta ed indifferente, quasi stufa di vedere tutta quella gentaccia, quella terra brulla, quella natura secca. Così direbbe uno scrittore improvvisato, una persona pratica avrebbe detto: era fine agosto ed eravamo tutti stanchi, anche dell’estate. Quel giorno Mena era alla spiaggia di San Marco, il costume nero intero intero, un motivo animalier a […]

Read more "Toccasti?"

George

George arrivò a casa, lasciò le chiavi sul tavolo badando bene di non accendere la luce, ci mancavano solo le zanzare. Non passava aria, non passava il nervoso, la tristezza, la stanchezza, l’inabilità a provare gioia per qualsiasi cosa. Come se tutto fosse sottovuoto. Arrivò in camera, lasciò tutto, pantaloni, maglietta mutande, calze sulla chaise-longue […]

Read more "George"

Racconti di Nonna Diva

Quel giorno quella boriosa di Mariute è venuta a casa nostra, che era nuova, appena presa e sai, una villa è grande e non può essere tutto pronto subito. Lei fa il giro e dice: “Che roba, io in una casa così non potrei vivere mai”. Invece di darle un manrovescio, l’ho presa per mano, […]

Read more "Racconti di Nonna Diva"

aposiopesi di lamiera

Cammino, sto tornando a casa dal rito della cena del giovedì con la famiglia sarda che mi ha adottato. Finalmente il freddo, l’umido, non ti prende più a calci sulla schiena, sembra anche di sentire qualche odore che vada lontano dai soliti di smog e piscio tipici della sera dei Navigli. Giro l’angolo, penso che […]

Read more "aposiopesi di lamiera"

Olga

Olga faceva la cameriera in pizzeria, arrivava da lontano. I capelli neri corvino, due occhi verdi e sperduti che facevano capire subito che lei era da un’altra parte. Quella sera ne aveva avuto abbastanza di essere partecipe della vita degli altri. Era stufa di essere la scenografia della pizza della domenica sera delle coppiette. Poca […]

Read more "Olga"