abbracciare

Vacanza vien da vacante, cioè che non c’è. A Milano in questi giorni non c’è nessuno, vorrei non esserci nemmeno io, perchè aver poco da fare mi induce a pensare. E preferirei nuotare. Sono sempre un Pesci, dopotutto, con la disgrazia della luna in leone che mi rende attore-sceneggitore-produttore-regista, come dice la Silvana. Ieri il […]

Continua a leggere "abbracciare"

Di corse, fiumi e spalle.

Il cane tornò a casa di notte. Non era un cane che scappava, era un cane indipendente che conosceva tanti altri animali. Eppure l’impulso di prendere e correre ce l’aveva. Il giorno prima aveva cominciato a correre lungo il Ticino, senza accorgersi dei chilometri, aveva voglia di lasciare la città e andare. Si era divertito […]

Continua a leggere "Di corse, fiumi e spalle."

E i gay non capiscono

Il suicidio del quattordicenne (la smettiamo con sta privacy inutile? Se si chiama Paolo diciamo Paolo) di Roma è un fatto grave, preoccupante e terribile. Non è il primo, mi auguro ci si ricordi ancora di quello di quest’inverno, di cui avevo già scritto: Perchè non ha senso impiccarsi a 15 anni. Ad oggi le […]

Continua a leggere "E i gay non capiscono"