Palestrology: La Real


Non real letto in italiano, non real letto come in Ispagna. Real, wri-aal.

Tutto parte nel 2001, con Jennifer Lopez all’astice del successo, che decide si smollarci un video per ricordarci che anche lei era povera, e quindi che è vera. E infatti, come tutte le ex-povere ha deciso di aiutare i meno abbienti suoi ex-simili con una donazione a se stessa nella parte della povera, con dei poveri al 50% come sfondo, e facendo ripulire tutto il ghetto prima del suo arrivo. Già che c’era, per sicurezza, ha messo la nenia del rapper inutile di turno a rendere la canzone appetibile anche ai veri maschi come lei. Pardon volevo dire “ai maschi, veri come lei”

Però Jennifer si dev’essere dimenticata che l’aveva già fatto, ed era la nostra Jlo real che va via con la moto in mezzo all’Arkansas, regalandoci anche lo specialino-real britney che tanto ci piaceva.

Poi Jlo ha sottolineato che era sempre quella del quartiere con Jenny from the block. Ovvio.
E così non si accorse della mutazione genetica che avrebbe portato nelle future palestronze del secondo decennio degli anni duemila. Per questo, perchè alla fine le vogliamo bene (non quando stava con Daddy Diddy) chiameremo questa specie di Palestrology: La Real.

Della famiglia delle Golden, ella ne è, diciamo, la versione più attenta. A differenza della Golden che è la più figa dell’universo a prescindere, la Real lo è perchè lei è vera. Veramente figa nel suo essere la ragazza del porto accanto. Una che il porto lo conosce bene, tutto.
La Real se potesse sarebbe la Golden, come Kelly Rowland se potesse sarebbe Beyoncè. Ma non può, è troppo presto, perchè la differenza tra Real e Golden è proprio la questione anagrafica. La Real sarà una Golden superati i 30.

La Real si presenta in palestra perfetta, sfila (con le spalle ferme) nel corridoio lanciando occhiate “Sono figa naturalmente, lo so” a tutte quelle sfigate che sudano.
La Real ha la mascella serrata, per far vedere che non è la finocchia persa che tutti pensano, ma che è real, real roar man grrr.
La Real poi si cambia, velocemente se c’è del pubblico osannante che l’aspetta di sopra e se in spogliatoio ci sono gli sfigati che fanno spinbike. Piano se ci sono Golden o Real come lei nei paraggi.

In sala La Real arriva proprio come Jlo, semplice e vera. Vera nel suo petto depilato, con quella ricrescita di 2 mm vera, i muscoli ben a vista (La Real non ha t-shirt, ma canottiere un po’ strappate con l’ascella altezza gomito per intenderci) cammina però come se avesse una vera Tonkita… là. Ricordiamo al gentile pubblico che La Real ha i muscoli real, real come gli aminoacidi, pastigliette varie e shaker che si fa. Perchè lei è vera. Ricordatevelo.
Il look de La Real è ovviamente vero, come lei, fintamente non studiato ma che, proprio come JLo, sottolinea quel che c’è da sottolineare, il resto nessuno lo vede. Quindi crede di averci venduto il fatto che ha preso il primo capo che ha trovato nell’armadio, nella sua semplicità. La Real però non si accorge che ci sono persone veramente vere, che, come ieri il sottoscritto, son vestite così male che sembrano in pigiama o sopravvissuti a qualche bombardamento atomico.

La Real è real anche nei capelli. Peggio di Beckham nello spot di HM. Infatti la Real, essendo veramente autentica, ha i capelli studiati col goniometro, che non si spettinano, non si muovono, non producono sudore, ma sono solo lì pronti a dire “Vittoria Puccini mi spiace che tu abbia tutti quei problemi, io son così, sempre figa real“. Stesso discorso per la barba, finta trasandata, ma in verità eseguita a brevetto NASA.

Poi però La Real si frega. Perchè è vera, una figa vera, ma… controlla che tutti stiano guardandola. Perché se si allena allo specchio è nella fase 4.
Un momento…
Sapete quali sono le 3 fasi di chi si allena in palestra?
Fase 1: omioddio che orrore
Fase 2: i muscoli crescono a tutti tranne me
Fase 3: se non ci fosse tutta sta gente mi slinguerei allo specchio
Fase 4: la regina è qui, guardatela tutti.

Quindi il suo esercizio dinnanzi allo specchio è fatto per ricordare a tutti i sudditi che lei è La Real, bella muscolosa piu di tutti, ma soprattutto quella che quasi tutti dovrebbero voler essere, diventare, farsi. E’ quel dovrebbero che la frega, perchè le vere fighe non stanno lì a controllare di essere guardate. Se solo si potessero avere i like, i commenti del cazzo di instagram, i poke anche dal vivo… 

Annunci

5 pensieri su “Palestrology: La Real

  1. Ora ho capito perché non vado più in palestra: ho cominciato con lo spinbike (sfigato) e una volta passato in sala pesi non ho mai superato la fase 2.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...